Fiera Della Nocciola Piemonte I.G.P.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
SottoHeader

INFO SUL TERRITORIO

E-mail Stampa PDF

Vigneti_colline_Grinzane_web

Alta Langa: emozioni e sapori di una terra autentica, tutta da scoprire

L’Alta Langa è un vasto triangolo di terra nel sud Piemonte, in provincia di Cuneo: confina con la Liguria da un lato e  con le province di Asti ed Alessandria dall’altro.

La natura ne ha segnato i confini con le Langhe dei grandi vini. Gli ultimi vigneti sfumano e si increspano in noccioleti, in macchie boschive e prati a pascolo che profumano per la brezza che viene dal mare.

L’uomo non ha rinunciato alla coltura della vite e, con duro lavoro, ha costruito muri a secco sottraendo lingue di terra al bosco: i terrazzamenti ne sono una poderosa testimonianza.

Con le pietre recuperate dai profondi dissodi ha costruito case di pietra calde ed accoglienti, l’orgoglio della tipologia architettonica rurale.

Panorami incantevoli conducono l’occhio del visitatore attraverso le sue vallate e lo invitano a salire le costali dove piccoli borghi dominano l’infinito con le proprie torri e roccaforti, sullo sfondo le Alpi che paiono degradare verso le ricche colline dei vini pregiati.

Da Murazzano a Benevello, da Cortemilia a Bossolasco, l’Alta Langa è un anfiteatro naturale punteggiato da intere frazioni in pietra ravvivate dal rosso cotto dei coppi.

Non ancora battuta dal turismo dei grandi numeri, l’Alta Langa si pone come luogo ideale per soggiorni all’insegna della natura e del verde, non mancano gusti e sapori unici e robusti, il formaggio Murazzano, la Toma delle Langhe altre piccole produzioni di nicchia e poi quel dolce meraviglioso a base di Tonda Gentile, la torta di Nocciola, inconfondibile e particolarmente gradevole al palato per un fine pasto o nei momenti di festa accompagnata da una coppa di Moscato o da un flut di Brut Alta Langa il cui vitigno si adatta anche a quote più alte da cui prende un profumo intrigante.

L’ospitalità è nell’indole, un valore aggiunto che viene da lontano come in epoca omerica.

L’Alta Langa è ricca di storia e di leggenda come dimostrano testimonianze sia sacre che profane, sono terre letterarie, del mito di Pavese e dell’epopea contadina e partigiana di Fenoglio, colline queste per un viaggio nella memoria, ma anche un piacevole stimolo per un presente che guarda al futuro.

 

LA GASTRONOMIA 

Il nome “Alta Langa” porta immediatamente il pensiero ai grandi prodotti enogastronomici di queste colline: le nocciole, i formaggi, i vini, i tartufi ed i funghi.

La natura, con la sua generosità, e l’uomo, con il suo impegno e la sua voglia di regalare sapori genuini e tradizionali, hanno permesso a questo territorio di diventare famoso in tutto il mondo per i suoi prodotti di alta gastronomia.

La Nocciola Piemonte IGP, conosciuta come “Tonda Gentile” ed il formaggio “Murazzano” possono vantare marchi di garanzia qualitativa; i vini, Alta Langa, Dolcetto, Barbera e Moscato d’Asti possono fregiarsi del marchio qualitativo DOC e DOCG; i funghi ed i tartufi, vengono ricercati per il loro pregio dalle tavole raffinate e dai mercati di nicchia di tutto il mondo.

Per il visitatore che trascorre un periodo di vacanza in Alta Langa questi sapori diventano graditi ed indimenticabili compagni di viaggio.

Visitare una cantina oppure un caseificio, ed assaggiare direttamente in compagnia del produttore un vino o un formaggio saranno un’esperienza unica ed interessante, così come acquistare un dolce alla nocciola o una delle numerose conserve alimentari accuratamente confezionate da piccoli artigiani locali saranno un piacevole “souvenir” per il ritorno.

Dalle piccole trattorie ai ristoranti eleganti e dalle osterie tipiche agli agriturismi si tramandano le tradizioni legate all’enogastronomia che in questo angolo di Piemonte hanno sempre avuto un’importanza fondamentale e ancora oggi si propongono seguendo le antiche ricette delle nonne ed utilizzando prodotti semplici e genuini.

La gastronomia in Alta Langa nasce nella cascina, centro di produzione di tutti gli ingredienti base dei piatti che la compongono: il coltivo (grano, mais e farro), le verdure dell’orto, il pollaio e la stalla (pregiate carni e formaggi), il forno, l’essicatoio (nocciole e castagne): ne scaturisce una completezza che va dall’antipasto fino al dessert, con il valore aggiunto dell’alta qualità tipica dei prodotti locali.

 

LA VITE, I PASCOLI E I NOCCIOLETI

La coltivazione della vite nelle Alte Langhe è eroica ed ha profonde radici; per salvaguardarla l’uomo ha costruito i terrazzamenti, veri monumenti in pietra alla fatica ed alla sopravvivenza.

Su queste terre il Dolcetto è leggero e beverino e le terre più basse vengono lambite dalle vigne di un Moscato DOCG e da un Brut Alta Langa ricchi di aromi.

I pascoli profumano per ricchezza di fiori di flora mediterranea e i prati sono particolarmente vocati alla pastorizia ovina e caprina per la produzione di formaggi di pregio (Murazzano e Toma delle Langhe).

La “nocciola”, su queste colline, ottiene un frutto dalle qualità organolettiche uniche ed irripetibili, tanto da farle meritare l’appellativo della “Nocciola Piemonte IGP: la più buona del mondo”, una prelibatezza per la pasticceria e cioccolateria di alta qualità.

 

CASTELLI E RICHIAMI CULTURALI

La storia post carolingia nelle Alte Langhe e fino al tardo medioevo è un susseguirsi di invasioni straniere e di signorotti locali tiranni in continua lotta tra di loro; proprio su queste colline si sono intrecciate la marca Aleramica, l’Arduinica e l’Obertenga.

Di quel periodo rimangono ancora castelli, torri e ruderi che evidenziano una storia complessa e contorta costruttrice ma anche distruttrice.

La religiosità dei nobili, dei borghesi e dei contadini ha lasciato ovunque i segni di una devozione che si è concretizzata in un’ architettura religiosa che ha attraversato i secoli, dai monasteri, ai santuari, alle chiese parrocchiali, ognuna con specificità artistiche apprezzabili. 

CASTELLO DEI CALDERA - MONESIGLIO

Secolo XVI

Imponente palazzo nobiliare, posto su di uno sperone a sbarrare la valle Bormida, è stato recentemente oggetto di lavori di restauro. Periodicamente aperto alle visite.

Per informazioni telefonare allo 0174/92199     

CASTELLO DI SALICETO - SALICETO

Secolo XVI

Posto nel cuore del centro storico, l’imponente edificio rinascimentale, è caratterizzato dalle torri angolari quadrate e, all’interno del cortile, dagli splendidi affreschi.

Per informazioni telefonare allo 0174/98021.

CASTELLO DEGLI SCARAMPI PRUNETTO

Secolo XII

Splendida struttura medioevale che svetta massiccia sulle valli Bormida e Uzzone e sovrasta le case del paese.

Per informazioni telefonare allo 0174/92199.

 

LA LETTERATURA 

Sono luoghi di ispirazione letteraria, una felice costante che si perde nella notte dei tempi, furono infatti in molti ed in epoche diverse i cantori di queste colline.

Nella letteratura del ‘900 poi, hanno fatto storia e tendenza Amalia Guglielminetti, legata a Guido Gozzano e soprattutto i due grandi Pavese e Fenoglio. Ogni angolo di strada, ogni piazza di paese, sono luoghi teatro dell’epopea contadina e partigiana di Beppe Fenoglio. Anche Cesare Pavese amava molto queste terre alte; era solito farsi accompagnare dai suoi amici letterati sul muretto che da Castino guarda la Valle Bormida e le colline dell’Uzzone: lo testimonia una fotografia celebre che ha fatto il giro del mondo.

 

SPORT E TEMPO LIBERO

Ogni piazza, ogni sagrato, ogni cortile ha una sua storia di epiche sfide al pallone elastico, uno sport di forza e di scaltrezza combattuto da atleti sanguigni. Le astiosità in campo finiscono inevitabilmente la sera tra pantagrueliche mangiate e bevute sotto le stelle: gli ospiti sono sempre graditi.

Le Alte Langhe sono caratterizzate da ampi spazi, antichi sentieri battuti dai commerci (le strade del sale) e dagli eserciti invasori, oggi divenuti suggestivi percorsi  di trekking a piedi, a cavallo o in mountain bike ricchi di storie, di leggende e di angoli suggestivi.

Campi da tennis, da calcio e da bocce, piscine, centri di equitazione e pesca rappresentano luoghi alternativi di svago e divertimento.

Visite a castelli, caseifici ed artigiani che producono dolci e prelibatezze tipiche sono piacevoli e stuzzicanti passatempi per il tempo libero.

Nelle sere poi, soprattutto d’estate, le piazze dei borghi si animano di concertini di musica, dalla leggera alla classica, dal jazz al rock .

L’Alta Langa è soggiorno piacevole per chi ama la tranquillità, lo sport, l’arte, la storia, la natura e non disdegna lungo i vari percorsi e tragitti di sedersi a tavola di fronte a piatti singolari per differenziata proposta che seguono l’alternarsi delle stagioni e con scadenze di lunario che si perdono nella notte dei tempi.

 

TRADIZIONI

Per un territorio come l’Alta Langa, che affonda le proprie radici storiche nell’antichità, le tradizioni sono una realtà quotidiana che gli abitanti serbano gelosamente e con piacere cercano di trasmettere al visitatore.

Piccoli rituali familiari come i pranzi gioviali che seguono la vendemmia, la raccolta delle nocciole o la nascita del vitellino fanno ancor oggi parte della realtà e delle tradizioni locali.

Le feste legate ai Santi Patroni dei paesi sono eventi che gli abitanti di queste colline si tramandano da generazioni e che di anno in anno contribuiscono a far diventare sempre più ricche e coinvolgenti. Balli, canti, giochi e cene sull’aia a base di prodotti e vini locali accompagnano cerimonie religiose spesso toccanti e commoventi che durante tutto l’arco dell’anno vivacizzano la vita di queste colline.

Nel periodo primaverile, estivo ed autunnale alle feste religiose si aggiungono anche le sagre legate ai prodotti della natura, alle nocciole, ai formaggi, ai vini ed ai tartufi che diventano, oltre a momenti di festa e divertimento, anche occasioni di mercato e di promozione del territorio.



  Per informazioni sul territorio:

Ente Turismo Alba Bra Langhe Roero

Piazza Risorgimento, 2 – 12051 Alba (CN)

Tel. +39 0173 35833

www.langheroero.it - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Logo_Fiera_Nocciola_Nuovo

Ente Fiera della Nocciola e
Prodotti Tipici dell'Alta Langa

Sede:
Ente Fiera della Nocciola e Prodotti Tipici dell’Alta Langa
Piazza San Paolo n. 3 – 12051 ALBA – CN

 

C.F. 90044400043
P.Iva 03343020040

Tel. +39 0173 226695

info@fieradellanocciola.com

Regione_Piemonte
Piemonte_nuovo

Seguici su Facebook

Immagini dall'Alta Langa

Video       dell'Alta Langa